+39 059 7120964 info@forestepersempre.org
+39 059 7120964 info@forestepersempre.org

Foreste

Le foreste costituiscono il bioma più diffuso della Terra, estendendosi su 3,9 miliardi di ettari (pari a circa il 30% della superficie territoriale globale) ed hanno un ruolo fondamentale per l’umanità, fornendo una larga e inestimabile varietà di servizi:

  • costituiscono un immenso e incommensurabile ricettacolo di diversità biologica;
  • ospitano la maggior parte delle specie viventi animali e vegetali;
  • sono il luogo in cui vivono migliaia di piante superiori, le quali generano strutture fisiche e creano nicchie ecologiche per altre piante e per gli animali;
  • consentono di rimettere in ciclo i nutrienti minerali;
  • forniscono acqua, ossigeno e quanto serve agli altri organismi viventi;
  • scambiano e accumulano grandi masse di carbonio, contribuendo a mitigare i cambiamenti climatici;
  • controllano l’erosione del suolo e la regimazione delle acque; intervengono nella genesi stessa del suolo, nel ciclo dei nutrienti, nel trattamento dei rifiuti;
  • esercitano un controllo biologico sullo sviluppo di parassiti e patogeni;
  • forniscono legna da opera e combustibile, fibre, alimenti, sostanze medicinali;
  • rappresentano il luogo per la ricreazione, il tempo libero e per la spiritualità, nonchè una risorsa basilare per le popolazioni indigene, custodi di culture rare e preziose.

Tale porzione di natura ineguagliabile è oggi sempre più a rischio.

Dall’inizio dell’Olocene, circa 10.000 anni fa, l’80% delle foreste che coprivano il pianeta è stato distrutto e quel che rimane risulta, a diversi gradi, frammentato e degradato. Attualmente, infatti, gran parte delle foreste primarie residue è concentrata in alcune regioni, segnatamente in Amazzonia, Canada, Sud-est asiatico, Africa centrale, Federazione russa.
Nell’ultimo decennio – come si ricava da un recente rapporto della FAO sullo stato delle foreste mondiali – la deforestazione ha assunto un ritmo sconcertante e senza precedenti: 161 milioni di ettari di foreste naturali e semi-naturali sono state erose al patrimonio mondiale, il che equivale alla distruzione annuale di un’area forestale pari a circa la metà della superficie territoriale italiana. Il rapporto della FAO ci informa anche che gran parte di questa deforestazione (94,1%) avviene nelle aree tropicali (in particolare in Brasile, Congo, Indonesia).

FAO – The state of the world’s forests

E’ stato spesso detto che le foreste tropicali costituiscono i polmoni del pianeta Terra, infatti insieme al plancton degli oceani esse sono di fatto i principali produttori di ossigeno. Attraverso il processo della fotosintesi, le foglie degli alberi agiscono come minuscoli pannelli solari trasformando in zuccheri e cellulosa l’energia solare e l’anidride carbonica presente nell’atmosfera. Oltre a produrre ossigeno, un gas fondamentale per la vita, le piante assorbono Co2 un gas velenoso prodotto in grande quantità dalla combustione di petroli.

L’Uomo che piantava gli alberi (Jean Giono)

“Se si teneva a mente che era tutto scaturito dalle mani e dall’anima di quell’uomo, senza mezzi tecnici, si comprendeva come gli uomini potrebbero essere altrettanto efficaci di Dio in altri campi oltre alla distruzione.”

Foreste tropicali

Bagno di Bosco

Non solo Alberi

Pagamento dei Servizi Ambientali